lunedì 20 dicembre 2010

Cena della Vigilia di Natale

Buongiorno a tutte/i voi,
come promesso torno con l'ultimo articolo di questo 2010 che si e' rivelato fantastico, ho passato dei bei giorni condividendo con tutte/i voi le mie e le vostre ricette.
Oggi vi presento un intero menu' per la Vigilia di Natale che sara', ovviamente, tutto a base di pesce come vuole la tradizione cattolica (io non ci credo ma almeno ho una scusa per mangiare il pesce).
Ho fatto alcune considerazioni nel pensare questo menu', doveva essere a base di pesce, costare poco e doveva essere d'effetto come nei migliori ristoranti.
Un aiuto importante e' venuto dallo chef Martino Martignon che in una lezione (frequento un corso di cucina con Lui docente) ha proposto dei piatti a base di pesce a dir poco stupefacenti.

Il menu' si compone di un antipasto, un primo, un secondo, un dessert e le dosi si riferiscono per 4 persone.

ANTIPASTO
Rotoli di pasta brisè con gamberi

Ricetta molto semplice da preparare,
1 rotolo di pasta brisè già pronta
16 code di gamberi
Olio evo, limone, vino bianco, pepe per la marinatura

Acquistate delle code di gambero belle grandi surgelate (in tutto le mie pesavano quasi 600 grammi per un costo di 8 euro), scongelatele e mettetele in un piatto a marinare con un filo di olio evo, il succo di mezzo limone, un po' di vino bianco e del pepe, lasciatele per almeno 1 ora.
Ritagliate la pasta brisè in rettangoli dove avvolgerete i gamberi, infornate a 180° fino a doratura della superfice.
Componete il piatto mettendo 4 rotoli per piatto e guarnendo con verdura (insalata, radicchio, sedano, pomodori, etc.) a piacere.
















PRIMO
Potages parmantier con capasanta bardata al lardo di colonnata e speck tostato

Non spaventatevi per il titolo, la ricetta e' semplice da preparare.
Dovete solo fare attenzione all'acquisto dei porri, per questa ricetta servono 300 grammi di porri gia puliti e tagliati a rondelle, per il secondo servono 16 foglie di porro intere.
Mi spiego meglio, pulite il porro eliminando la parte verde e due foglie esterne, togliete altre due foglie esterne da mettere da parte per il secondo piatto, il restante tagliatelo a rondelle.
Vi serviranno quindi 8 porri in tutto, le rondelle di porro in più (come peso) le potete congelare.

800 grammi di patate pulite e tagliate a piccoli pezzi
300 grammi di porro pulito e tagliato a rondelle
50 grammi di burro
8 capesante di media grandezza o 16 se piccole
8 fette di lardo di colonnata
50 grammi di speck in una sola fetta
Brodo vegetale
Sale e pepe
Olio evo

In una pentola fate sciogliere il burro in 4 cucchiai di olio evo, aggiungete i porri e fate appassire (non fatelo bruciare!!!!!), aggiungete le patate ed il brodo fino a coprire il tutto, aggiustate di sale e pepe e portate a cottura (circa 30 minuti).
Passate il tutto con il frullatore o minipiner fino ad ottenere una salsa dalla consistenza di un purè, per cui fate attenzione al brodo che aggiungete per la cottura.
Regolate di sale e pepe se necessario.
Pulite le capesante (io ho acquistato 16 capesante piccole surgelate per un totale di 7.03 euro) e avvolgetele con le fette di lardo (8 fette di lardo di colonnata per un totale di 2,24 euro), nel mio caso ho messo due capesante per ogni fetta.
Riducete la fetta di speck in strisce da circa mezzo centimetro, mettetele in una padella antiaderente e fatele tostare senza alcun condimento.
Togliete lo speck e mettete le capesante con il lardo, fate cuocere per 3-4 minuti per lato.
In piatti fondi mettete la crema di patate e porri (potages parmantier), mettete al centro le due capesante con il lardo e alcune strisce di speck, completate con un filo di olio evo a crudo.

















SECONDO
Involtini di branzino con "falso parsutto" croccante

Anche questa ricetta e' semplice e non pensate al titolo.
Il "falso parsutto" e' lo speck d'oca che io non ho trovato e l'ho sostituito con speck normale.

4 filetti di branzino (io ne ho preso 6 perche' il risultato vi stupira')
16 fogli di porro (vi ricordate il primo piatto? io ne ho usati 24)
1 carota
1 cipolla
2 pomodori maturi
Prezzemolo tritato
1 foglia di alloro
1 spicchio di aglio
100 grammi di speck tritato
Vino bianco
Olio evo
Sale e pepe

Acquistate i filetti di branzino (io no ho presi 6 per un totale di 16.96 euro) già puliti della pelle, controllate che non ci siano delle spine e dividete ogni filetto in 4 parti.
Prendete i fogli di porro, devono essere lunghi circa 8 centimetri, e fateli cuocere per 1 minuto in acqua bollente, toglieteli e fateli raffreddare.
Avvolgete ogni pezzo di branzino con i fogli di porri e mettete da parte.
In una padella fate stufare la cipolla e la carota tritate in 4 cucchiai di olio evo, mettete gli involtini di branzino, aggiustate di sale e pepe, mettete la foglia di alloro e fate cuocere per qualche minuto.
Aggiungete il vino bianco e fate evaporare.
Tagliate i pomodori a cubetti e fateli saltare in padella con lo spicchio di aglio e due cucchiai di olio evo per 2-3 minuti.
In una padella fate saltare lo speck tritato con un filo di olio evo e fatelo diventare croccante.
Componete il piatto mettendo una base di pomodoro, adagiate i filetti di branzino con il loro sugo di cottura, guarnite con lo speck croccante ed il prezzemolo tritato.

















Dessert
Gelato di ricotta, cioccolato e arancia candita

400 grammi di ricotta
6 cucchiai di zucchero a velo
30 grammi di arance candite o le buccie tritate di due arance bio
150 grammi di cioccolato a scaglie
1 cucchiaio di amaretto di saronno

Lavorate per alcuni minuti la ricotta con lo zucchero a velo, aggiungete il cioccolato, le arance e l'amaretto, amalgamate per bene.
Distribuite il composto in 4 coppette e mettete in freezer per almeno 2 ore.
Servite freddo con biscotti secchi o cialde per gelato.
Io ho fatto delle decorazioni con del cioccolato fondente fuso.

















Come consueto Vanni dell'enoteca online "Le Cantine dei Dogi" propone i quattro vini in abbinamento ai piatti:
Antipasto: Spumante metodo classico Cuvee 59 millesimato dell'azienda Travaglino
Primo: Soave classico dell'azienda Roncolato
Secondo: Un Grillo IGT 2009 dell'azienda Puleo
Dessert: Verduzzo friulano dell'azienda Arzenton

Auguro a tutte/i voi e alle vostre famiglie un Buon Natale ed un felice anno nuovo.

Buon appetito

11 commenti:

arabafelice ha detto...

Che bel menu , Flavio.
Grazie e buone feste anche a te!

meggY ha detto...

Caro Flavio, direi che non ci potevi salutare in modo migliore .. questo menù è strepitoso!
L'antipasto veloce e gustoso, il primo .. serve che ti dica quanto amo questa crema con capasanta bardata?Che meraviglia!
Il secondo è originale e mooolto saporito, il dolce bellissimo!
Bravi!!!
:)
Ci si sente l'anno prossimo allora, buone feste anche a te e alla tua famiglia!
Baci

Ylenia ha detto...

Ma questo è un signor menu, di quelli pensati, ben fatti e ben equilibrati, quindi i miei complimenti. Tantissimi auguri a te e ai tuoi cari. A presto allora :)

lucia ha detto...

Che meraviglia!! Io alla vigilia sono sempre a casa della suocera, che cucina tradizionalmente tutto lei con il solo aiuto della figlia femmina... Ma un antipastino come quello che ci hai proposto potrei tentarlo.... Tantissimi auguri e buon Natale!!

Daniela ha detto...

Che bel menù, grazie. Buon Natale Daniela.

speedy70 ha detto...

Ma che meraviglia il tuo menù, molto ghiotto!!!! Auguri Flavio, a te e ai tuoi cari di un felice Natale, bacioni!

Luciana ha detto...

Ciao Flavio, tanti auguri di buon Natale!! :)

Gunther ha detto...

accodenti quante cose buone un pronzo con i fiocchi, tanti auguri di Buon Natale

stefy ha detto...

Splendido Menù.....potrei prenderere spunto per il menù di Capodanno......baci e auguru la Stefy

Orchidea ha detto...

Ciao Flavio,
un menü degno di Cuoco :-)
Ti auguro un felice anno nuovo a té e famiglia.
Cari saluti..
Sarabella

chamki ha detto...

Che magnifiche ricette da chef! Flavio, ti auguro un nuovo anno anche piu' felice di quello passato.